BANDO | Fondo Imprese Creative

21 giugno 2022
Promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, insieme al Ministero della Cultura, il fondo imprese creative, la cui gestione è affidata a INVITALIA, mette a disposizione finanziamenti agevolati e contributi a fondo perso per incentivare progetti nel settore culturale e creativo proposti da micro, piccole e medie imprese italiane, nuove o già avviate.
 
Il decreto, che è stato ufficialmente pubblicato il 30 maggio 2022, prevede due principali misure:
·         Interventi per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative;
·         Acquisizione di servizi specialistici erogati da imprese creative.
 
 
CAPO II – INTERVENTI PER LA NASCITA, LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DELLE IMPRESE CREATIVE
 
Con una dotazione finanziaria di 28.000.000, il fondo è rivolto a tutti quei soggetti operanti nel settore creativo la cui attività, come risultante dal registro delle imprese, è individuata da uno dei seguenti codici ATECO: Sez. C 13.10.00; 13.20.00; 13.91.00; 13.92.10; 13.92.20; 13.93.00; 13.94.00; 13.95.00; 13.96.10; 13.99.10; 13.99.20; 14.11.00; 14.13.20; 14.19.10; 15.12.09; 16.10.00; 16.2; 16.29.19; 16.29.20; 16.29.30; 16.29.40; 17.29; 18.1; 18.13; 18.14; 18.20; 23.19.20; 23.41.00; 23.49.00; 23.70.20; 25.99.30; 26.52; 31.09.05; 32.1; 32.2; 32.4; Sez. J 58.11; 58.14; 58.19.00; 58.21; 59; 60.10.00; 60.20.0; 62.01; 63.12; Sez. M 70.21; 71.1; 73.11; 74.1; 74.20.1; 74.20.2; Sez. R 90; 91.0; Sez. S 95.24; 95.25.
 
AGEVOLAZIONE
Fatto 100 il costo totale del progetto, l’agevolazione sarà dell’80 % di cui:
·         40 % fondo perso;
·         40 % finanziamento agevolato a tasso zero della durata massima di 10 anni.
 
SPESE AMMISSIBILI: COSA FINANZIA?
I programmi di investimento devono:
-          Prevedere spese ammissibili di importo non superiore a 500.000 euro;
-          Essere realizzati in 24 mesi
-          Essere fatturati solo dopo il 5 luglio 2022, o comunque dopo la presentazione della domanda.
 
Nello specifico, sono ammissibili le spese relative a:
-          Immobilizzazioni materiali, con particolare riferimento a impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica, purché coerenti e funzionali all’attività d’impresa, a servizio esclusivo dell’iniziativa agevolata, dimensionati alla effettiva produzione ed identificabili singolarmente;
-          Immobilizzazioni immateriali, necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, incluso l’acquisto di brevetti o acquisizione di relative licenze d’uso;
-          Opere murarie nel limite del 10 % del programma complessivamente considerato ammissibile;
-          Esigenze di capitale circolante, nel limite del 50 %;
 
TEMPISTICHE E MODALITÀ: QUANDO E COME PRESENTARE DOMANDA?
E’ possibile compilare la domanda di agevolazione online, sul portale di Invitalia, dalle ore 10 del 20 giugno 2022 ed effettuare l’invio dalle ore 10 del 5 luglio 2022.
 
ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE E CONCESSIONE
Le domande inviate, verranno studiate e visionate da Invitalia, valutandone i seguenti aspetti:
·         Caratteristiche del soggetto proponente, inclusa l’adeguatezza e coerenza delle competenze possedute al suo interno rispetto alla specifica attività prevista dal progetto, imprenditoriale anche riguardo a titoli e certificazioni possedute;
·         Coerenza dell’iniziativa proposta con le finalità dichiarate;
·         Fattibilità tecnica e qualità dell’iniziativa proposta;
·         Sostenibilità economica del progetto imprenditoriale, con particolare riferimento all'equilibrio economico-finanziario, nonché alla pertinenza e coerenza del programma di spesa.
 
Una volta pervenute le domande, l’istruttoria durerà 60 giorni, dopodiché, verranno erogate le agevolazioni in non più di quattro stati di avanzamento lavori, su richiesta dell’impresa.
Inoltre, l’impresa beneficiaria può richiedere l’erogazione in due modi:
a.       In una prima quota di agevolazione a titolo di anticipazione del 40%, oppure
b.       A saldo, presentando tutte le fatture quietanzate.
 
 
CAPO III – ACQUISIZIONE DI SERVIZI SPECIALISTICI EROGATI DA IMPRESE CREATIVE
 
Con una dotazione finanziaria di 10.000.000, il fondo ha l’obiettivo di promuovere la collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori.
 
AGEVOLAZIONE
Il contributo concedibile è interamente a fondo perso, fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili per un importo massimo di 10.000 €
 
SPESE AMMISSIBILI: COSA FINANZIA?
Le iniziative proposte devono riguardare uno o più dei seguenti ambiti applicativi:
·         Azioni di sviluppo di marketing e sviluppo del brand;
·         Design e design industriale;
·         Incremento del valore identitario del company profile;
·         Innovazioni tecnologiche nelle aree della conservazione, fruizione commercializzazione di prodotti di particolare valore artigianale, artistico e creativo.
 
Inoltre, questi servizi specialistici devono:
-          Essere erogati da imprese creative di micro, piccola e media dimensione (che rientrano nei codici ATECO sopra indicati), da università ed enti di ricerca;
-          Essere oggetto di un contratto sottoscritto dopo la presentazione della domanda di agevolazione ed entro 3 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni;
 
TEMPISTICHE E MODALITÀ: QUANDO E COME PRESENTARE DOMANDA?
E’ possibile compilare la domanda di agevolazione online, sul portale di Invitalia, dalle ore 10 del 6 settembre 2022 ed effettuare l’invio dalle ore 10 del 22 settembre 2022.
Torna indietro